Mare Italia, Weekend Italia

Cosa visitare a Maratea: spiagge e luoghi d’interesse della Perla Tirreno

Scorcio del centro storico di Maratea, in Basilicata

Pendii a picco sul mare e acque cristalline fanno di Maratea la destinazione ideale sia per chi ama il turismo lento a contatto con la natura che quello balneare. Vi racconto cosa visitare a Maratea, dove dormire e dove mangiare nella perla del Tirreno.

A Maratea la montagna incontra il verde smeraldo del mare: basta muoversi di pochi chilometri per sperimentare la bellezza dell’entroterra e della costa insieme.

Il Cristo di Maratea: la statua iconica sul monte San Biagio

Il primo posto dove mi sono diretta, incuriosita dalle foto viste online prima di partire, è stata la statua del Cristo. Se c’è una cosa da visitare a Maratea assolutamente, questa è l’iconica statua in marmo di carrara sul monte San Biagio!

Particolare della Statua del Cristo Redentore a Maratea, in Basilicata.

Poco prima di salire in cima, bisogna obbligatoriamente lasciare l’auto nel parcheggio a pagamento al costo di 5€ per la prima ora e 3€ per ogni ora successiva. Da qui, si può proseguire: a piedi, in salita, percorrendo il tornante che conduce al sentiero d’accesso alla statua; in alternativa usufruendo della navetta al costo di un euro andata e ritorno.

La salita non è eccessivamente faticosa a piedi, ma vi consiglio di indossare abiti comodi e scarpe da ginnastica per affrontarla più agevolmente. Fermatevi lungo il tragitto per ammirare il panorama da più punti di vista ed immortalarlo in tutta la sua bellezza.

Preferibile salire nelle ore più fresche d’estate, quando il sole non batte a picco e il caldo non si fa sentire eccessivamente.

Lungo il percorso che conduce al monumento trovate bancarelle di souvenir e di bibite, un bar e la Chiesa dedicata a San Biagio dove sono custodite le reliquie del santo.

Chiesa di San Biagio, di fronte alla Statua del Cristo di Maratea.

Dinanzi ai vostri occhi un panorama a perdita d’occhio di tutto il golfo di Policastro e oltre: vi sentirete come sospesi tra la terra ed il cielo.

La statua del Cristo, smisurata e davvero iconica, crea un’atmosfera di silenzio e pace. L’alba e il tramonto quassù sono davvero suggestivi!

Una curiosità sul Cristo di Maratea

Opera dello scultore fiorentino Bruno Innocenzi, il Cristo di Maratea non rappresenterebbe la classica iconografia di Gesù, come si può notare anche dai connotati del viso della statua che sembrano piuttosto raffigurare un giovane ragazzo con la barba appena accennata.

L'iconica e smisurata statua del Cristo di Maratea, la perla del Tirreno.

Il Cristo Redentore sulla cima del Monte San Biagio, infatti, fu commissionato dal Conte Stefano Rivetti dopo la morte del giovane figlio scomparso in mare. La statua, non a caso, mostra le spalle al litorale come in senso di rifiuto e di negazione.

Cosa visitare a Maratea nel centro storico

Il centro storico di Maratea è raccolto ma molto caratteristico. Ecco cosa visitare:

Piazza Buraglia

Lasciatevi alle spalle la fontana della sirena, di fronte al Municipio, e passeggiate senza meta perdendovi tra le colorate facciate dei palazzi.

Dettaglio dei palazzi colorati del centro storico di Maratea.

Piazza Buraglia è il fulcro del paese, dove brulica la vita di Maratea, tra localini, negozietti di souvenir e pasticcerie storiche.

Chiese e cappelle

Maratea è anche soprannominata “la città delle 44 chiese”. Questo appellativo le è stato dato perché su tutto il suo territorio ospita innumerevoli chiese e cappelle. Nel centro storico ne vedrete alcune di queste, tra cui la Chiesa di Santa Maria Maggiore e la Chiesa dell’Annunziata.

Maratea, la città delle 44 chiese per la presenza di numerosi luoghi di culto.

E se vi addentrerete tra i vicoli del borgo arroccato più in alto rispetto a Piazza Buraglia, troverete anche svariate edicole votive scavate nella roccia, segno tangibile di secoli di forti tradizioni religiose.

Il borgo antico

Il borgo di Maratea è il cuore del paese, con il suo tipico impianto medioevale di case arroccate e scavate nella roccia.

Perdetevi tra portali e viuzze, archi e palazzi settecenteschi ornati di logge e portalini, angiporti e scalinate.

Scorcio di un vicolo del borgo storico di Maratea (Basilicata)

Se amate queste architetture, porterete a casa degli scatti da cartolina.

Dove mangiare a Maratea in centro

Ecco i locali dove vi consiglio di fermarvi a mangiare in pieno centro:

Sosta d’obbligo alla storica pasticceria Panza, la più antica di Maratea, la cui insegna spicca in un vicoletto proprio accanto alla piazza.

Ordinate i bocconotti con crema e cioccolato o con crema e amarena, la loro specialità. C’è spesso coda per l’acquisto, ma vi assicuro che ne vale la pena.

Deliziosi bocconotti di Maratea, dolcetti al gusto crema e amarena, acquistati alla pasticceria Panza nel centro storico.

Rossofermo (Salita Addolorata, 1): un risto-pub che offre prodotti tipici e sfizioserie di ogni genere per fare aperitivo o cenare. Ordinate un tagliere lucano, una porzione di fritti e un calice di vino. Consigliato per qualità e accoglienza.

La Taverna di Zu Cicco (Via Dietro Il Trappeto, 32): Ottima la selezione di formaggi e salumi lucani. Situato in un vicolo della piazza, in un’atmosfera appartata e romantica, dispone sia di tavoli esterni che di una saletta interna.

Dove mangiare economico a Maratea?

Per mangiare a Maratea spendendo poco e ordinare tipicità più caserecce, ci allontaniamo dal centro storico. Suggerisco:

Ristorante Santa Lucia da Biagio (Via Ondavo 11): trattoria vecchio stile che offre prodotti a km 0 cucinati in maniera semplice ma gustosa.

Il Piccolo Ranch Maratea (Via Santa Caterina 45/b): locale a gestione familiare immerso nel verde. La cucina è tipica e semplice, i sapori genuini. La pasta è fatta in casa così come i dolci.

Cosa visitare a Maratea d’estate: le spiagge più belle

In estate a Maratea, non potete perdervi i suoi magnifici litorali.

I magnifici litorali della costa di Maratea, la Perla del Tirreno, in Basilicata.

Le spiagge di Maratea sono un vero e proprio tesoro paesaggistico. Un susseguirsi di insenature naturali diverse tra loro rendono questo litorale un luogo unico e affascinante. Ecco le spiagge più belle, dalle più selvagge alle più attrezzate:

Spiaggia Cersuta

Detta anche spiaggia della Rena d’u Nastru, è stata premiata da Legambiente nel 2015 come la seconda più bella d’Italia dopo San Vito Lo Capo in Sicilia. Una tra le più particolari della costa di Maratea, è selvaggia ed incontaminata, raggiungibile solo a piedi attraverso un percorso fatto di ripidi scalini e di un sentiero.

Non adatta, quindi, a chi cerca i comfort e le comodità di uno stabilimento balneare, essendo ovviamente priva di qualsiasi servizio.

Spiaggia Nera – Cala Jannita

Molto caratteristica proprio per il colore scuro dei suoi sassolini che crea un contrasto speciale con la trasparenza dell’acqua. Si può scegliere di sistemarsi nella piccola parte libera oppure optare per uno dei due stabilimenti privati.

Si parcheggia l’auto al costo di 5€ e si percorre un sentiero per arrivare giù in spiaggia. Si possono noleggiare anche pedalò e canoe con le quali raggiungere le grotte nei dintorni.

Spiaggia Anginarra

In zona Acquafredda di Maratea, ampia e fatta di piccoli ciottoli. L’acqua, con le sue sfumature di verde e di blu, è limpidissima. Indicativamente, la spiaggia si trova davanti all’Hotel Gabbiano.

Una parte è attrezzata a pagamento, un’altra parte libera.

Vista panoramica di un'insenatura di Acquafredda di Maratea.

Fiumicello: spiaggia ampia e comoda, facilmente raggiungibile in macchina. Si lascia l’auto nel parcheggio sotterraneo a pagamento adiacente al litorale e ci si dirige in due minuti agli stabilimenti balneari o, eventualmente, alla spiaggia libera.

L’acqua è caratterizzata da correnti freschissime provenienti dal fiume che si mischiano con l’acqua del mare.

Dove dormire a Maratea: b&b e appartamenti

Ci sono diverse zone dove potete alloggiare a Maratea, più vicine alle spiagge, al porto o più in alto nel centro storico. Molto dipende dalle vostre esigenze, ad ogni modo vi consiglierei:

B&B La Torretta (Via Cersuta 61): si trova a cinque minuti d’auto dal centro di Maratea e si affaccia sulla spiaggetta della Cersuta. Gli arredi sono in stile rustico e curati nel dettaglio. Ottime recensioni.

Appartamento da Rossella (Via Porto Crivo 7): Siamo in zona porto, ricca di ristorantini dove cenare la sera. Il punto forte dell’appartamento è la terrazza vista mare insieme a tutti comfort che offre.

In alternativa, potreste alloggiare nel centro storico, nella parte più alta o più bassa del borgo. Molti degli appartamenti arroccati in cima regalano una vista meravigliosa su tutta la costa. Al tramonto, poi, lo spettacolo è divino!

Spettacolare vista panoramica della Costa di Maratea al tramonto.

Mettete in conto che l’ubicazione nella parte più alta del paese, obbliga a salire e scendere a piedi se volete evitare di prendere l’auto ogni volta per raggiungere il centro con i suoli locali, bar e negozi.

D’altro canto avrete tutta la tranquillità che desiderate.

Cosa visitare a Maratea nei dintorni?

Spostandovi di pochi chilometri in auto, nei dintorni di Maratea trovate Trecchina, paese da visitare anche solo per prendere un gelato, godendosi una vacanza lenta e rilassante che non si farà dimenticare. Poche curve separano questo comune dalla “Perla del Tirreno”.

Il borgo di Trecchina si divide in due parti: la parte alta dove si trova il Castello che è la zona più storica e la parte residenziale, che si sviluppa intorno piazza del Popolo, conosciuta come Piano, circondata da giardini.

Trecchina, il borgo a pochi chilometri da Maratea in Basilicata.

Non a caso è conosciuta anche come la “città giardino” del Lagonegrese.

Come arrivare a Maratea in auto

Maratea si trova in provincia di Potenza ed è l’unica località della Basilicata ad affacciarsi sul Mar Tirreno.

Da Nord: autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire a Lagonegro. Si Percorre la Strada statale 585, uscita Maratea Centro o Maratea Sud.

Da Sud: autostrada A3 uscendo a lauria sud e successivamente Strada stale 585.


Se vi trovate in Basilicata, non potete tralasciare Matera, la città dei Sassi e Capitale Europea della Cultura nel 2019. Dista circa due ore e quaranta da Maratea in auto percorrendo la SS653.

Ultimo aggiornamento 27 Settembre, 2020 di Alessia Carbone