Salerno & dintorni

Natura e storia al Giardino della Minerva di Salerno

Limoneto Giardino della Minerva Salerno

Che siate di passaggio o che abbiate programmato una vacanza nella mia città, probabilmente vi starete chiedendo cosa non dovreste assolutamente perdere. Non posso che consigliarvi una visita al Giardino della Minerva di Salerno.

Il Giardino della Minerva è infatti una tappa immancabile se amate la natura o semplicemente desiderate trascorrere qualche ora tra viste panoramiche ed una splendida varietà di piante e fiori.

L’orto botanico della Scuola Medica Salernitana

Prima di addentrarci alla scoperta dei Giardini, inizio col raccontarvi qualche curiosità storica su questo luogo che rientra a pieno titolo nella classifica dei dieci Giardini più belli d’Italia. Rappresenta, inoltre, il primo e più antico esempio di orto botanico d’Europa.

I Giardini della Minerva nel Medioevo venivano utilizzati a fini didattici dagli allievi della Scuola Medica Salernitana. Si trattava, più precisamente, di un orto in cui venivano coltivate erbe e piante medicinali a fini sperimentali, utilizzate per curare alcune malattie.

Il Giardino della Minerva è ubicato, non a casio, nell’area dell’antico Hortus Sanitatis della suddetta scuola, nella parte alta del centro storico di Salerno.

Si tratta di una vera perla conservata intatta nel tempo, grazie soprattutto al clima favorevole che ne ha fatto nei secoli un’oasi di pace incontrastata che si affaccia sull’azzurro del golfo di Salerno e sulla splendida veduta della Costiera Amalfitana.

Veduta del Golfo di Salerno dalla terrazza panoramica del Giardino della Minerva

Come si svolge la visita al Giardino della Minerva

Il Giardino della Minerva si sviluppa su diversi livelli, cinque per l’esattezza, collegati tra loro da terrazzamenti panoramici e da un sistema di canalizzazioni. Tutto è curato nel dettaglio e le terrazze digradanti offrono degli scorci meravigliosi che si fanno fotografare da ogni prospettiva.

Scopri di più sulle vedute panoramiche del Castello Arechi di Salerno, altra tappa immancabile quando sei in visita nella mia città!

Potrete visitare l’intero parco da soli ma anche in piccoli gruppi scegliendo di partecipare a visite guidate previa prenotazione obbligatoria.

Sono previsti anche workshop e attività didattiche per le scolaresche, così come percorsi sensoriali e laboratori che coinvolgono gli studenti attraverso divertenti lezioni ambientali e di botanica.

Suggerimenti per la visita e info utili

Per godersi la passeggiata salendo e scendendo tra le diverse aree terrazzate, è consigliabile usare scarpe basse e comode per muoversi agilmente, specialmente lungo le scalinate pergolate costruita sulla cinta muraria medievale.

Dettaglio della Fontana Colocasia al Giardino della Minerva di Salerno

Inoltre, per poter accedere ai Giardini della Minerva devono essere osservate alcune semplici regole, a tutela dell’ambiente circostante e dell’incolumità dei visitatori stessi: è vietato fumare e raccogliere piante e fiori, anche se caduti a terra, in quanto costituiscono un patrimonio da preservare. Non è consentito, poi, portare con sé animali.

Qual è il periodo migliore per visitare il Giardino della Minerva?

Dal momento che le piante ospitate nel Giardino sono specie officinali a ciclo annuale, durante l’inverno non fioriscono tutte per cui i mesi più freddi dell’anno sono i meno interessanti da prendere in considerazione per la visita. Personalmente, come periodo migliore, vi consiglio quello che va dalla primavera inoltrata fino ai primi mesi d’autunno.

La varietà di piante del Giardino della Minerva

Moltissime sono le varietà di piante da ammirare sulle diverse terrazze, di cui potrete respirarne i profumi e leggerne la descrizione con le relative proprietà su dei cartellini informativi. Ad oggi, sono in coltivazione ben quasi 300 specie, di cui alcune molto rare!

Dettaglio cartellini informativi delle piante medicinali presenti al Giardino della Minerva di Salerno

Qualche esempio: la leggendaria mandragora, famosa perché pare venisse utilizzata per preparare pozioni magiche e afrodisiache. Ma anche le più comuni aloe, l’erba cipollina, la calendula e la liquirizia. L’elenco completo comunque, se siete curiosi di leggerlo, lo trovate sul sito ufficiale del Giardino della Minerva.

La tisaneria dei Giardini della Minerva: una pausa rigenerante

Cosa c’è di meglio che bere una tisana aromatica tra il verde della natura e l’azzurro del mare? Ecco, questa  è un’altra chicca da non farsi mancare presso i Giardini della Minerva di Salerno

Troverete, infatti, una tisaneria dove poter assaggiare, ma anche acquistare, una varietà di tisane officinali dalle molteplici proprietà benefiche, ottenute utilizzando esclusivamente piante aromatiche e spezie di agricoltura biologica. Un vero toccasana!

E allora ordinate la vostra tisana, calda o fredda, e accomodatevi ad uno dei tavolini in ceramica vietrese sulla terrazza belvedere, assaggiando biscotti artigianali, amaretti ed altre piccole delizie.

Tavolini in ceramica vietrese presenti sulla terrazza panoramica del Giardino della Minerva

Un luogo ideale, dunque, dove concedersi una pausa rigenerante all’insegna del relax e della tranquillità in pieno centro città.

Luminae Minerve: i Giardini si illuminano durante Luci d’Artista

In occasione della kermesse delle Luminarie di Salerno che si svolge ogni anno a Natale, il Giardino della Minerva ospita spettacoli di luci davvero suggestivi accompagnati da coinvolgenti musiche e cori natalizi. La prenotazione del biglietto è obbligatoria.

Per vivere al meglio l’evento più luccicante del Natale salernitano, vi rimando al mio articolo: 5 consigli per visitare Salerno durante Luci d’Artista.

Giardino della Minerva: biglietti e orari

Non mi resta ora che darvi delle indicazioni sugli orari di apertura.

I Giardini della Minerva sono aperti al pubblico dal martedì alla domenica, a partire dalle 9:30 del mattino. Lunedì giorno di chiusura.

Settembre- Aprile-Maggio: 09:30-19:00
Ottobre: 09:30-18:00
Novembre-Dicembre- Gennaio: 09:30-16:30
Febbraio: 09:30-16:00
Marzo: 09:30-17:00
Giugno-Luglio-Agosto: 09:30-20:00

L’accesso è consentito fino a trenta minuti prima dell’orario di chiusura.

Quanto ai biglietti, possono essere acquistati sul posto il giorno stesso della visita, tranne nel caso di visite di gruppo per le quali è richiesta obbligatoriamente la prenotazione telefonica.

COSTO D’INGRESSO: Euro 3,00. 
RIDUZIONI (Gruppi scolastici e Studenti universitari previa esibizione della tessera): Euro 1,50.

L’ingresso è gratuito per gli accompagnatori di gruppi turistici e per i bambini al di sotto dei 6 anni.

Come arrivare al Giardino della Minerva

Indirizzo: Vicolo Ferrante Sanseverino, 1, 84121 Salerno SA

Siamo nel cuore del centro storico di Salerno, esattamente nella zona alta rispetto al Duomo. Una volta arrivati in via Trotula de’ Ruggiero venendo da via dei Mercanti, proseguite a piedi per 3 minuti e siete arrivati all’ingresso dei Giardini.

Dettaglio dell'ingresso del Giardino della Minerva, nel centro storico di Salerno

In alternativa, potete utilizzare l’ascensore comunale gratuito che si trova in linea d’aria di fronte alla Villa Comunale, alle spalle dei palazzi, che collega via Fusandola e Piazza Matteo D’Aiello/Via Torquato Tasso. Da qui, in due minuti a piedi siete all’ingresso. 


Spero vi sia stata utile la mia guida al Giardino della Minerva di Salerno. Per scoprire di più sui luoghi d’interesse della mia città, vi consiglio di leggere “Cosa vedere a Salerno in un giorno: i consigli di una salernitana”.