Borghi d'Italia

Cosa vedere a Caserta Vecchia: il borgo fiorito

Copertina: Cosa vedere a Caserta vecchia

Un borgo medievale pittoresco, che incanta per la sua semplicità ed il suo fascino romantico. Vicoli fioriti e viuzze suggestive sono stati per me una piacevole sorpresa. Vi racconto cosa vedere a Caserta Vecchia in qualche ora.

Da Caserta città, seguendo le indicazioni per il borgo antico, in pochi minuti ci si ritrova alle pendici dei colli Tifatini, a circa 400 mt. di altezza. Una rampa di scale che attraversa una piccola pineta, conduce all’ingresso del paesino, uno dei borghi più belli d’Italia.

Borgo di Casertavecchia: un cuore antico

Caserta Vecchia, come tutti i borghi arroccati in alto, fu costruita a scopo difensivo contro le incursioni saracene. Gli abitanti delle aree circostanti trovarono qui un rifugio sicuro: Casertavecchia è il cuore antico della città e domina dall’alto la Caserta moderna.

Dettaglio di un vicolo caratteristico di Caserta Vecchia, cuore antico della Caserta moderna

Ed è proprio la tranquillità ed il silenzio che caratterizzano questo borgo storico e lo distinguono dai ritmi più frenetici della città Nuova che si sviluppò solo in seguito, dopo la costruzione della Reggia di Caserta.

Nei mesi estivi è uno dei luoghi preferiti dai casertani per una passeggiata o un picnic al fresco. Il borgo è raccolto e si visita facilmente. Perdetevi tra i suoi vicoli, ogni angolo merita di essere scoperto e raccontato.

Cosa vedere a Caserta Vecchia in qualche ora

Vi sembrerà di percorrere strade di un passato lontano che si fanno notare per la loro semplicità.

Le viuzze tra fiori e atmosfere medievali

Stradine ed abitazioni in pietra colpiscono per la loro coerenza estetica, sono curatissime e creano uno scenario d’altri tempi.

Ciò che attirerà presto la vostra attenzione sono una moltitudine di vasi, alcuni dei quali originalissimi, con piante e fiori nei toni del rosso e del rosa. Ad ogni angolo se ne trovano sistemati a parete, nelle fioriere e sui pergolati, lungo le grate delle finestre e nelle corti privati di case e B&b.

Dettaglio di uno splendido vicolo fiorito a ridosso delle abitazioni di Caserta Vecchia

E poi le insegne e le porte di osterie, baretti ed attività commerciali sono pensate per ricreare un’ambientazione medievale che ricorda castelli e cavalieri. Qui tutto è da instagrammare!

Caratteristiche insegne medievali di ristoranti ed osterie in giro per Caserta Vecchia

Ed il bello è che, essendo il borgo circolare, girando in tondo è piacevolissimo ammirare questa continuità architettonica.

Il Duomo e il Campanile

La Cattedrale di Caserta Vecchia, dedicata a San Michele Arcangelo, risale alla dominazione longobarda e normanna e si trova nella piazza centrale del borgo, piazza del Vescovado. Ha una pianta romanica e dentro colpisce per la sua austerità, per le splendide colonne provenienti da un antico tempio romano e le influenze arabo-sicule.

Soffitto a volta, in stile romanico, del Duomo di Caserta Vecchia

Accanto alla chiesa domina poi il campanile, che si lascia fotografare da diverse prospettive. Quella che ho preferito? Lo scorcio che lo ritrae in tutta la sua altezza da uno dei vicoli che conducono in piazza. Si perché da qui, con i suo dettagli gotici, sembra il protagonista indiscusso!

Prospettiva del campanile del Duomo di Caserta Vecchia da uno dei vicoli di collegamento alla piazza

Ma va fotografato anche accanto al Duomo, questa prospettiva li mostra quasi come fossero eternamente indissolubili.

Dettaglio frontale del Duomo di Caserta Vecchia con accanto il maestoso campanile

Il Castello con la Torre dei falchi

Progettato come baluardo sicuro contro qualsiasi incursione nemica, il Castello di Caserta Vecchia è antichissimo. Anche a causa di alcuni terremoti, ad oggi della fortezza resta solo la Torre dei falchi (detta anche il Maschio, è alta 30 mt. ed è una delle torri più alte d’Europa) e pochi altri ruderi come i sostegni degli antichi ponti levatoi ed i resti della cinta muraria.

Torre dei falchi a Caserta Vecchia, una delle più alte d'Europa

Il Castello in linea di massima è visitabile solo in occasione di ricorrenze ed eventi organizzati dalle associazioni locali o durante le giornate FAI.

Caserta Vecchia: panorama a perdita d’occhio

Camminando per le strade del borgo vi ritroverete su una terrazza panoramica che regala una vista meravigliosa su tutta la Piana di Caserta con la sua Reggia e nelle giornate più terse si arriva a vedere il golfo di Napoli e anche Ischia e Capri!

Veduta panoramica della Piana di Caserta e del Golfo di Napoli dal belvedere di Caserta Vecchia

Siete mai stai a Caserta Vecchia di sera? Tutto diventa magico, le luci del borgo brillano in modo suggestivo.

Gli “spiritelli” di Caserta Vecchia

Cosa vedere a Caserta Vecchia di particolare? Tra i vicoli del borgo vi imbatterete in diverse botteghe artigianali dove non farete a meno di notare degli allegri e coloratissimi personaggi dalle espressioni buffe disegnati su vasi di terracotta e su altri oggetti. Sono gli Spiritelli portafortuna.

Spiritelli portafortuna, souvenir di buono auspicio tipico di Caserta Vecchia

Questo souvenir è diventato un simbolo di Caserta Vecchia e pare rappresenti un’entità benevola, di buon auspicio per coloro che la possiedono. Affinché vi porti fortuna, abbinategli un biglietto con su scritto il vostro desiderio…

Dove mangiare a Caserta Vecchia

Casertavecchia è piena di ristorantini ed osterie, che se da un lato vanno ad intaccare un po’ il fascino antico del borgo in un’ottica più turistica, dall’altro sono esteticamente ben integrati nell’ambientazione medievale del posto. Ne ho selezionati un paio in base alle recensioni e alla mia esperienza:

Trattoria Pizzeria il Campanile: Locale dai sapori caserecci. Per iniziare ordinate antipasti composti da formaggi, salumi, verdure e fritturine. La specialità è il maialino nero alla brace.

Ristorante Gli Scacchi: A conduzione familiare, anche l’atmosfera è conviviale e si può pranzare e cenare nel giardino. I piatti sono della tradizione, i prodotti freschi e di ottima qualità.

Dove dormire a Casertavecchia: Hotel e b&b

Nel cuore di Casertavecchia sono nati alcuni b&b e piccole strutture ricettive ricavate nelle case antiche. L’esperienza è quella di dormire nella più completa tranquillità e silenzio:

La pietra d’argento: La camera si trova all’interno di una casa antica ed è arredata con mobili e pavimenti di pregio. Perfetta per un weekend romantico, si affaccia sulle splendide architetture del borgo.

Colazione in terrazza con vista campanile al b&b "La pietra d'argento", nel centro di Caserta vecchia

Casa delle Bifore: A pochi passi dal Duomo di Caserta Vecchia, è una casa su due piani con un’ ampia vetrata che si affaccia sul cortile interno. Per un pernottamento molto originale e caratteristico.

Cortile interno dal fascino storico dell'appartamento "Casa delle Bifore" a Caserta Vecchia

Mercatini di Natale a Casertavecchia ed altri eventi

Casertavecchia a Natale ospita i caratteristici mercatini di artigianato locale, che animano le viuzze del borgo insieme ad attività ed intrattenimento per grandi e piccoli. Piazza del Vescovado, il centro della manifestazione, diventa ancora più suggestiva.

Tra gli altri eventi, vi segnalo “Settembre al borgo” che si svolge ogni anno e raccoglie in diverse serate tante performance di musica, arte e spettacolo.

I set de “L’amica geniale”

Inoltre a Casertavecchia sono state girate anche alcune scene della seconda stagione de L’Amica Geniale, infatti passeggiando per il borgo troverete diversi cartelli che segnalano i luoghi delle riprese della pluripremiata serie televisiva italiana.

Scopri L’Amica Geniale ed altri 7 libri consigliati dalla mia community su Instagram!

Come arrivare a Caserta Vecchia

In auto, dista circa dieci minuti da Caserta città. Usciti a Caserta Nord, seguite le indicazioni per il centro storico. Una volta arrivati ai piedi del borgo, si parcheggia l’auto per poi proseguire a piedi.


Spero abbiate trovato utili i miei suggerimenti su cosa vedere a Caserta Vecchia che ti avvolge e ti trascina in un’altra epoca, come tutti i borghi d’Italia più belli: leggi quelli consigliati dalla mia community Instagram.