Borghi d'Italia, Weekend Italia

Sovicille: il borgo senese nel cuore della Val di Merse

Scorcio di un vicolo medievale del borgo di Sovicille, Siena

A circa dieci chilometri da Siena, procedendo verso ovest sull’antica Strada Maremmana, Martina ci guida alla scoperta del borgo di Sovicille, un luogo che conserva intatta la sua identità sin da tempi antichi.

Ancora poco nota al turismo “mordi e fuggi” così come a quello di massa, la Val di Merse non è famosa come il Chianti o la Val d’Orcia ma sicuramente è la meta ideale per chi ama vivere il territorio attraverso la natura e la storia a misura d’uomo, con un animo slow.

Sapevate che Sovicille è il comune della Toscana più ricco di pievi, abbazie e ville?

Cosa vedere a Sovicille: edifici storici e religiosi

Entrati in paese, si ha quasi la sensazione di essere catapultati indietro nel tempo!

Il borgo di Sovicille conserva l’antica struttura medievale costruita intorno alla piazza centrale, Piazza Guglielmo Marconi, alla quale si accede da due strade: via Stretta e via Roma. Gli edifici che vi si affacciano ospitano sin dal passato istituzioni civili e religiose.

Pieve di San Lorenzo Martire

Questa chiesa medievale conserva un suggestivo architrave di epoca tardoromanica inserito su un portale raffigurante la “caccia ai mostri del male”. Vi compaiono, infatti, un cavaliere armato, un uomo con faretra ed un arciere che combattono contro un enorme drago.

Accanto alla Chiesa Parrocchiale di San Lorenzo si trova l’edificio più imponente di questo piccolo borgo: la settecentesca Villa Lechner.

Villa Lechner

Villa Lechner fu costruita proprio sulle mura medievali del borgo, visibili ancora nella parte più bassa della struttura.

Il particolare più attraente della Villa è il giardino (normalmente chiuso al pubblico) insieme alla scenografica scalinata di accesso.

Per la visita ai giardini il suggerimento è di approfittare delle Giornate FAI in primavera e in autunno e unirsi ad un tour guidato.

Proseguiamo la nostra visita, in direzione Pieve di San Giovanni Battista.

Pieve di San Giovanni Battista

Con una bella passeggiata di circa un chilometro, si raggiunge uno dei monumenti più interessanti del periodo romanico, una chiesa storica affiancata da un bel campanile.

Ex residenza estiva del Vescovo di Siena, la Pieve di San Giovanni Battista è costruita in tufo e pietra calcarea e al suo interno presenta tre navate divise da due serie di imponenti colonne.

Cosa vedere nei dintorni di Sovicille

E se la visita a piedi nel borgo dura circa una mezz’ora, sono gli immediati dintorni a meritare un’attenzione particolare! Ci troviamo nella valle del fiume Merse, che scorre per 70 km attraversando i comuni di Chiusdino, Monticiano e Sovicille.

Villa Cetinale

Prendiamo l’auto e spostiamoci verso Villa Cetinale nel cuore della campagna senese, che si raggiunge in una decina di minuti dal centro di Sovicille. Realizzata in stile barocco su progetto di Carlo Fontana, pupillo di Gian Lorenzo Bernini, era destinata a residenza estiva e si distingue per l’eleganza della sua struttura.

La Villa è circondata da una serie di giardini (rinomati per essere tra i dieci più belli d’Italia!), che variano dalla limonaia, al giardino all’italiana, al viale prospettico.

Collegato alla villa tramite una lunga scalinata scavata nella roccia, detta scala santa, c’ è il romitorio. Si tratta di una piccola struttura che un tempo ospitava una cappella e gli alloggi degli eremiti che assistevano gli ammalati e i moribondi grazie alle elemosine dei proprietari.

Negli ultimi dieci anni la villa è stata ristrutturata, mantenendone il più possibile le caratteristiche strutturali originarie. Oggi è un luogo di eventi, offre lussuosi pernottamenti a cinque stelle, ospita matrimoni e corsi di scrittura creativa.

Il Chiostro di Torri

Un altro minuscolo borgo arroccato su un poggio della Piana di Rosia è Torri. Poche sono le case restaurate di recente e pochi gli abitanti. Nella piazza c’è ancora il grande forno che in passato serviva a fare il pane per tutta la comunità.

Il borgo si trova ad una decina di minuti d’auto da Sovicille e si sviluppò intorno all’Abbazia della Santissima Trinità e Santa Mustiola dei monaci Vallombrosiani.

Il chiostro, visitabile, è un vero gioiellino di architettura medievale: a pianta quadrata, è cinto da tre serie sovrapposte di archi e colonnine con capitelli scolpiti.

Il Chiostro è visitabile il lunedì e il venerdì (non festivi) dalle ore 9:00 alle ore 12:00.

Museo Etnografico del Bosco e della Mezzadria a Orgia

Ricavato da un fienile restaurato, questo museo si trova in località Orgia. Grazie ad un laboratorio e ad un percorso didattico che si dirama verso le colline dell’Alta Val di Merse, il museo racconta lo stretto rapporto tra la vita dell’uomo ed il bosco, anche attraverso lo studio dei mestieri legati all’ambiente forestale.

Dove mangiare a Sovicille e dintorni

Ecco gli indirizzi consigliati e alcuni suggerimenti su cosa mangiare nel borgo di Sovicille e dintorni.

Il Grillo Moro (Str. dell’Aeroporto 1, Sovicille): semplicità e cibo gustoso sono le parole d’ordine di questo locale. Assaggiate pici, cinghiale, cinta senese, olii e formaggi della provincia.

La Sosta del Cavaliere (Piazza dell’Abate 4, Torri): ristorante elegante ed esclusivo, consigliato per una cena gourmet con attenzione al dettaglio e alla selezione di vini.

La Compagnia o Lo sfizio (Sovicille; San Rocco a Pilli): due locali senza troppe pretese per una buona pizza.

Cosa fare a Sovicille: eventi e trekking nella natura

Ma veniamo adesso alle manifestazioni e ai tour da non perdere a Sovicille.

Il Mercatale è il mercato di filiera corta che si svolge il 3° sabato di ogni mese in piazza Marconi a Sovicille. L’intento è quello di portare tra la gente una nuova idea di economia, di consumo, di alimentazione, di agricoltura e di solidarietà.

Martina consiglia inoltre, soprattutto tra la primavera e l’autunno, di approfittare delle lunghe giornate per fare trekking nella natura attraverso luoghi affascinanti e poco conosciuti.

Avventuratevi da soli se conoscete la zona e siete camminatori esperti. Altrimenti prenotare un tour guidato e lasciatevi accompagnare da una guida turistica abilitata.

Dove dormire a Sovicille

Per godere appieno dei paesaggi e della tranquillità che regna in questa zona della Toscana, il consiglio è di alloggiare in una casa di campagna o in un agriturismo. Ecco un paio di indirizzi:

Antico borgo di Torri (Vicolo delle Cantine, Torri): la struttura è semplice, rustica ma molto bella proprio per l’atmosfera che si respira. Il silenzio ed il contesto toscano sono un’esperienza da vivere.

Agriturismo Poggio Salvi (località Poggio Salvi, Sovicille): pulizia dei locali e cura di ogni minimo dettaglio vi faranno vivere un soggiorno ideale per staccare dalla routine.

Come si arriva a Sovicille (Siena)

Da nord e da est: uscita Siena Ovest della Siena-Firenze, si gira a sinistra in direzione Massa Marittima. Dritto per 11,4 km e poi subito dopo le Volte Basse a destra, seguendo le indicazioni per Sovicille.

Da sud (E80 costiera e poi SS223): si procede verso Siena/Monticiano passando vicino a Paganico e Civitella Marittima.

Sovicille-Siena: distanza?

La distanza tra Siena e Sovicille è di circa 14 km. La strada principale di percorrenza è la Provinciale 37.


Hai trovato utile questa guida alla scoperta del borgo di Sovicille e della verdeggiante Val di Merse? Questa volta ci spostiamo in Veneto, in provincia di Verona: scopri Soave, è tra i borghi più belli d’Italia!